Quando si fa l’albero di Natale?

Manca poco più di un mese al Natale e già vediamo sui social i primi addobbi ma quando si fa l’albero di Natale?

In realtà non c’è una regola che stabilisce quando si deve fare l’albero e poi giustamente in casa sua ognuno fa come vuole, ma sicuramente quello che evidenziano i social è che per quanto riguarda l’albero di Natale le persone si dividono in due categorie. Quelli che h”ai già fatto l’albero ma sei matta?” E quelle che “non hai ancora fatto l’albero, cosa aspetti?”

Le origini dell’albero di Natale

Il natale è magia, famiglia e condivisione
Il Natale è magia, famiglia e condivisione

Partiamo dall’inizio, pare che il primo albero di Natale sia stato eretto in Estonia nel 1440, per poi ricomparire in Germania nel 1500. Ovviamente non parliamo degli alberi che siamo abituate a vedere oggi. Pare però che questa tradizione facesse parte solo dei Paesi a nord delle Alpi. Questo perché i cattolici la ritenevano un’usanza Pagana, ecco perché vedremo nascere questa tradizione nel mondo cattolico solo nel ‘900.

E’ legata al mondo cattolico anche la scelta dell’Abete, albero sempreverde che veniva considerato un dono di Gesù che sotto un abete aveva trovato riparo.

In che data si fa l’albero di Natale?

Albero di Natale, quando farlo? Non c'è una data uguale per ogni cultura in realtà
Albero di Natale, quando è meglio farlo?

Per la chiesa Cattolica l’albero di Natale si fa l’8 Dicembre che combacia con la data in cui si celebra l’Immacolata Concezione e in cui si fa anche il Presepe. Chi segue il rito Pagano invece lo farà nel giorno del solstizio d’inverno perciò 21 o 22 dicembre.

In Italia in realtà ci sono città che seguono una loro usanza, a Milano ad esempio, la mia città di origine, si fa il 7 dicembre, data in cui si festeggia il Santo Patrono. A Bari la tradizione lo vuole il 6 dicembre, giorno di San Nicola. A Taranto il 22 Novembre, giorno di Santa Cecilia. E tu da dove mi segui? Scrivimi qual è la tua tradizione.

Così come non c’è una data uguale per ogni coltura per fare l’albero, non ce n’è una uguale per tutti per toglierlo. C’è chi segue il detto “l’epifania tutte le feste le porta via”, chi lo tiene fino a febbraio e chi lo toglie subito dopo Natale.

Una spiegazione dalla psicologia per chi sceglie di fare l’albero a Novembre

Abbiamo visto che non c’è una data universale per fare l’Albero di Natale. Secondo gli psicologi però se a Novembre inizi già a decorare la tua casa e a fare il tuo albero di Natale significa che sei più felice della media della popolazione.

Uno studio dello psicoanalista inglese Steve McKeown spiega infatti che addobbare la casa e fare l’albero rievoca in noi ricordi d’infanzia felici, che sono sicuramente legati alla nostalgia del passato ma che ci aiutano a riconnetterci con il nostro “bambino interiore”

E io quando faccio l’albero di Natale?

E io quando faccio l'albero di Natale? Semplice, quando mi va, in genere a Novembre
E io quando faccio l’albero di Natale?

Da quando sono andata a convivere con quello che oggi è mio marito ho iniziato anche io a fare l’albero di Natale a Novembre. Ricordo davvero il Natale come una festa magica e gioiosa, casa mia era sempre piena di gente, di parenti a Natale. Uno dei pochi ricordi davvero felici della mia infanzia, non che io abbia avuto un’infanzia triste, solo che ho pochi ricordi purtroppo.

Noi abbiamo sempre passato le feste lontano da casa nostra, Natale dai miei genitori che abitano al nord ma lontani da noi, Capodanno da mia suocera che abita al sud. Per questo motivo ho iniziato ad addobbare casa a Novembre così da godere per più tempo della magia del Natale perché diciamocelo, rientrare a casa la sera, spegnere le luci e assaporare l’atmosfera calda che regalano le luci è davvero meraviglioso.

E da quando ho le bambine questa è diventata la nostra tradizione, iniziamo ad addobbare la casa, facciamo tutti e quattro insieme l’albero e il presepe, creiamo le nostre decorazioni e ogni anno ne aggiungiamo qualcuna. Mai come quest’anno ho sentito la necessità di portare un casa un po’ di magia, sarà che abbiamo passato due anni lontani da tutti, sarà che lo scorso anno il Natale in zona rossa è stato veramente duro, fatto sta che siamo a metà novembre e abbiamo già cominciato a preparare le nostre decorazioni.

Consigli

Create le Vostre tradizioni o seguite quelle della vostra famiglia ma fate ciò che vi fa stare bene
Create le vostre tradizioni

Il mio personale consiglio è fate l’albero di Natale quando vi va, quando vi fa stare bene, se volete seguire le tradizioni seguitele. Se non volete seguirle e fare l’albero prima o non farlo per niente non preoccupatevi di quello che dicono gli altri, preoccupatevi di ciò che fa stare bene voi.

Create le vostre tradizioni e createne di nuove ogni anno. Scegliete un pomeriggio di pioggia, mettete su Spotify una hit di Natale e fate tutti insieme il vostro albero. Non pensate di non avere tempo, noi mamme riusciamo sempre a trovarlo. Create insieme ai bambini, come abbiamo fatto noi, il vostro centrotavola (nel prossimo articolo ti spiegherò come farlo). Non importa se non sarà perfetto, sarà il vostro. Portate avanti le tradizioni delle vostre famiglie di origine. Il mio presepe ancora oggi ha al suo interno alcune statuine di quello dei miei genitori. L’albero dei miei genitori ha ancora oggi decorazioni che erano dei miei nonni.

E non importa se il vostro albero sarà perfettamente in palette con il resto della casa o con la moda del momento. Non importa se sarà piccolo perché avete poco spazio o gigante. Non conta il numero degli addobbi che ci mettete sopra. Se fate un albero per ogni stanza o se sarà un abete vero o finto, un albero verde o innevato. Quello che veramente importa è che faccia stare bene voi, che vi riporti alla magia del Natale di quando eravate bambine e che regali la stessa magia ai vostri bambini, che vi faccia sentire tutto il calore delle persone che amate e vi amano o vi hanno amate. E voi come lo fate l’albero di Natale? Dai fatemi vedere sono curiosa.

A casa mia l’albero si è sempre fatto. Anche quando c’erano pochi regali, anche quando era venuto a mancare qualcuno, perché per i miei genitori il Natale è sempre stato un momento di unione, di condivisione, di famiglia e di magia. Io faccio lo stesso con le mie bambine e il mio consiglio per voi mie care mamme è di fare lo stesso con i vostri figli, anche se magari non ne avete tanta voglia, meritiamo tutti la magia del Natale, soprattutto i bambini.

Con affetto

Keren

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.